A Castelfranco Veneto, il 27 Ottobre, 18.45 presso Meidea Atelier si discute di TERRITORIO, ETICA e DESIGN.

Interverranno Lucia Rosin per Meidea Italian Creativity, Francesco Chiavacci Lago per Associazione Amici di Giorgio Lago e Alessandro Crosato per Slow+Fashion+Design.

Ci sarà inoltre un intervento di Luke Martini, manager del marchio di abbigliamento Rdress e promotore del progetto Ago e Filo, finalizzato alla promozione degli artigiani del lusso.

Realtà diverse che condividono,  sostengono e promuovono, valori  come etica, sostenibilità e bellezza. 

La diversità dei territori italiani è tra le più variegate al mondo, per questo, ogni zona deve essere trattata in modo diverso e specifico, rispettando ed esaltando le peculiarietà locali.

I legami sociali e i mestieri, che si tramandano nel tempo creano un rapporto di  intimità con il territorio che  si concretizza in una forma radicata di tradizioni che vanno protette e valorizzate.

Promuoviamo cultura, etica e design che devono essere sempre più legati. E sosteniamo che attraverso la conoscenza, bisogna progettare seguendo la filosofia slow del rispetto dell’oggi e per il domani.

 

 

LUCIA ROSIN e MEIDEA ITALIAN CREATIVITY 

Lucia Rosin è una professionista con oltre 25 anni di esperienza nel mondo della moda. Ha raccolto l’amore per i viaggi, la fotografia, il giardinaggio e l’ha riversato nel lavoro.

Ciò che guida tutte le sue scelte è la sostenibilità. Un obiettivo che ha sempre cercato di perseguire in ogni progetto fin dall’inizio della carriera.

Nel 2004 ha fondato MEIDEA, un gruppo qualificato di professionisti, che portano il loro know-how nella moda e nel tessile, in tutto il mondo.

A luglio 2016 è stato inaugurato, nel centro storico di Castelfranco Veneto,  il nuovo “Meidea Atelier”.   Un  vecchio edificio industriale, elegantemente convertito a spazio operativo ed espositivo.

Il loro obiettivo, oltre la consulenza per le varie aziende, è dedicare uno spazio di ricerca e sviluppo,  attraverso installazioni artistiche, eventi e conferenze.

 

La mia vita professionale in questi anni mi ha sempre messo di fronte a dei bivi. La carriera, seguendo dei binari tradizionali, oppure percorrere una strada alternativa, con più’ libertà nelle scelte, ma nello stesso tempo, con tanta  fatica per sostenerle “.

 

AMICI DI GIORGIO LAGO 

Nel 2008 su iniziativa della famiglia Lago e dei più cari amici e colleghi di Giorgio nasce l’ Associazione Amici di Giorgio Lago.

Un’ associazione privata, senza fini di lucro. Ha lo scopo esclusivo di promuovere iniziative che ricordino l’opera culturale e civile di Giorgio. Istituendo successivamente all’ Università di Padova il Centro Studi Interdipartimentale Giorgio Lago. 

Nasce dall’ idea della famiglia di mettere a disposizione della comunità il suo ricco patrimonio di documentazione.

Fortemente voluto dal Prorettore vicario Giuseppe Zaccaria. Con Lago aveva condiviso ideali e battaglie. E’ stato diretto prima dal Prof. Gianni Riccamboni e attualmente dalla Prof.ssa Patrizia Messina. Lo scopo è quello di monitorare l’evoluzione del Nordest con particolare attenzione al coinvolgimento di giovani studenti.

Dal 2005 al 2009 la Città di Jesolo , ha organizzato in collaborazione con l’ Ordine dei giornalisti del Veneto, il Premio Giornalistico Giorgio Lago in suo onore. Tra i premiati Mario Rigoni Stern, Gianni Mura, Candido Cannavò, Ferruccio De Bortoli.

Dal 2011 al 2015 il Premio viene trasferito a Castelfranco Veneto. Viene ampliato a cinque categorie (giornalismo, impresa, volontariato, sport, cultura). Tra i premiati Renzo Rosso, Paolo Mieli, Giovanni Rana, Marco Paolini, Miki Biasion. 

 Il 13 marzo 2015, in occasione del decimo anniversario della scomparsa, nell’Aula Magna del Palazzo del Bo dell’Università di Padova viene presentato il volume “C’era una volta il Nordest. Giorgio Lago, vent’anni di giornalismo razza Piave” edito dalla Padova University Press. 

L’ Associazione Amici di Giorgio Lago è presieduta da Luigino Rossi. Il consiglio direttivo è composto da Francesco Jori, Bepi Covre, Mario Bertolissi e Francesco Chiavacci Lago

 

 

SLOW+FASHION+DESIGN 

Giovane Start Up che promuove etica, sostenibilità e bellezza, partendo dal mondo fashion scivolando in un life style, perché la filosofia slow non deve essere una moda ma uno stile di vita.

SLOW+FASHION+DESIGN ricerca e racconta, persone, aziende e progetti che condividono la medesima filosofia e che si distinguono nell’operare secondo i canoni che sostiene.

Nato dall’esigenza di proporre esempi positivi di life style, da subito ha avuto seguito di follower, artigiani, designer, ma anche di imprenditori, confermando l’idea che c’è necessita e volontà di cambiamento.

Alessandro Crosato e Silvia Müller, insieme agli architetti Alberto Salvadori e Moris Valeri, al dottor Michel Braca e a Francesco Chiavacci Lago, collaborano per divulgare,  progetti e filosofia di SLOW+FASHION+DESIGN.

Da Ottobre Slow+Fashion+Design è stato nominato “ambassador” per l’Italia di Slow Fashion World. 

Una piattaforma internazionale di professionisti del settore e una comunità nata dal crescente interesse personale di Mariel Jumpa (Stoccolma, Svezia) per uno stile di vita consapevole. 

Attraverso la comunità ed i servizi, Slow Fashion World promuove trasparenza, integrità e consapevolezza delle proprie azioni personali come professionali, fornendo opportunità di interazione e crescita. 

 

Per ulteriori approfondimenti  consultare i seguenti siti web:

www.meidea.it

www.associazioneamicidigiorgiolago.com

www.slowfashionworld.com

www.rdress.ch

 

Per informazioni potete contattare direttamente SLOW+FASHION+DESIGN o inviare una email a info@slowfashiondesign.com.

APPROFONDIMENTI