Punti in comune e contrapposizioni tra SLOW e Serena Decrescita.

Contemporaneamente allo SLOW, nasce in Francia, il movimento di pensiero SERENA DECRESCITA. Entrambe le filosofie condannano la folle corsa allo sviluppo senza meta, che stiamo vivendo.

serena-decrescita-o-slow
serena-decrescita-o-slow

Lo sviluppo anziché portare benessere a tutti, ha creato mega ricchi e tanta povertà. Abbiamo pensato e costruito armamenti nucleari, capaci di distruggere l’intera terra.

Un quinto dell’umanità consuma i quattro quinti delle risorse del pianeta. Le spese per la sanità superano quelle dell’alimentazione. Ma se tutto questo ci sembra lontano, gli esempi vicini sono tantissimi.

Negozi sempre più grandi, con sempre più proposte di prodotti tutti uguali. Indottrinamenti pubblicitari per incentivare l’acquisto di cose che nemmeno servono davvero.

Spinte psicologiche per uniformarci nell’abbigliamento, nello stile e persino nei gusti.

L’impoverimento di cui parlo, riguarda la salute fisica e mentale, i valori umani, l’economia e le risorse del pianeta.

La SERENA DECRESCITA francese (per approfondimenti Serge Larouche) propone come unica soluzione, modificare il nostro stile di vita. La soluzione è consumare meno.

Lo SLOW italiano propone un cambio di stile di vita in nome della lentezza. Riallinearsi con i propri ritmi interiori. Agire in funzione del proprio piacere è fondamentale per lo stile SLOW.

la serena decrescita francese
Serena Decrescita.

Lo SLOW, contrariamente alla SERENA DECRESCITA, non  è contrario al consumo, ma lo esige consapevole.

Consapevole di aver scelto il meglio per noi stessi. Con la sicurezza che la nostra scelta non ha impoverito nessuno. Provare piacere è la parola chiave.

Quando si prova piacere a fare un lavoro, il successo è garantito. Quando si mangia bene, tutti i sensi sono appagati.

Quando si indossa qualcosa che piace, ci si sente più belli.

Spesso la vita frenetica ci impedisce di fermarci a chiederci cosa desideriamo veramente.

Spesso ci facciamo trasportare senza nemmeno sapere dove andare. Appena si rallenta, ci si rende conto di quanta bellezza abbiamo intorno.

Il paradosso è che appena si rallenta, ci si rende conto che si può vivere più intensamente.

 

Diritti esclusivi dello staff di slowfashiondesign

tweet me on @slowfashiondesign